lunedì 17 settembre 2012

Dal pollice opponibile all'apnea.



Una scimmia "www", oggi, ha accesso al mondo di internet. Una schiacciante totalità di scimmie "www" oggi hanno accesso al mondo di internet. Non è di difficile comprensione analizzare il supporto concretamente gratuito ed immediato che il mondo della rete può fornire all'arricchimento culturale di ogni primate. L'allargamento dell'orizzonte conoscitivo è alla portata di tutti gli esseri dotati di pollice opponibile e non. Il cortometraggio "ho cinque minuti liberi" può essere realizzato nei peggiori "motori di ricerca" del web e come d'incanto l'autore potrebbe diventare l'amante bohemienne della "chanson" alla Gainsbourg o un più teatrale protagonista di una fatica letteraria di Oscar Wilde. Peccato però che la "scimmia www", davanti la vetrina del browser, non appare attratta dall'articolo low cost del sapere. Insomma, una schiacciante totalità di scimmie "www" decisamente non sembrano orientate all'acquisto dell'articolo low cost del sapere, virtualmente impolverato dalla mancanza di richiesta. Le visioni degli "anni-oggi" da un display sono così all'insegna della sterilità: primati condividono il verbo dell'opinionista di inquantificabili salotti televisivi,  fotogrammi della non fertilità mentale "instagrammano" imbalsamati sorrisi kafkiani in coda ad un fast food per il pranzo con le amiche del cuore. Faccia a faccia con il portatile, impavido destriero medioevale dei nostri tempi, la bertuccia perderà ore o nella peggiore delle ipotesi crederà di investirle in una dimensione dove la verità sarà trasformata in reality e la sterile curiosità  mutata in pillole di gossip. Se la domanda posta è chi diavolo sia la scimmia "www", la statistica potrà rispondervi che questo primate è la tesi delle infinite possibilità di sapienza; è l'antitesi delle ore di click nei social network; è la sintesi dell'uomo moderno che, con soddisfazione ha conquistato, dopo la celebre evoluzione del pollice opponibile, un nuovo progresso: saper sopravvivere per anni in
apnea. Culturale.

Un primate

6 commenti:

  1. La scimmia si nutre di ciò che non ha.
    La scimmia cerca la sopravvivenza, prim'ancora della propria evoluzione.
    La scimmia si ciba di altri cervelli, logora se stessa imitando specie vanamente più dotate.
    La scimmia brama l'esaltazione del proprio io da primate.
    La scimmia riempie d'aria il fagotto con il quale esplora la desolazione in cui è nata e cresciuta.

    Anni fa, un disegnatore di fumetti nostrano marcò il proprio banco del liceo con un pennarello indelebile:
    "Se l'istruzione fosse proibita, vivremmo in un mondo di acculturati".

    RispondiElimina
  2. Non c'è che dire. Pensiero autentico, limpido. Vero, penetrante. Una riflessione così -straordinariamente- attualizzata di quello che, da mezzo interattivo capace di aprire un universo, è diventato la piaga delle giovani generazioni; di quello che è divenuto, appunto, il saper (sopra)vivere in apnea e sfruttando al minimo i propri mezzi\le proprie risorse.

    P.S.Sarò ripetitiva ma.. Autentico.
    Sempre il top.

    RispondiElimina
  3. La riflessione dipinge bene la realtà a cui la scimmia www è incatenata : la mediocrità è lo stimolo di vita , l'infantilità è l'espressione d'ogni coscienza , costretta a rimanere chiusa , priva di senso critico , la sola chiave d'apertura ... nella scimmia www la riflessione è sostituita da un'apparato di emozioni indotte, impiantate , ramificate , che negano alla stessa l'atto di prendere coscienza di sè ...essa insomma è vittima di un'arma silenziosa , ed è artefice di una guerra tranquilla .

    RispondiElimina
  4. Le scimmie sono troppe ormai, e mi riferisco anche a chi sta ai piani alti, chi decide. Quante sofferenze hanno dovuto passare le grandi menti per colpa delle scimmie!
    Comunque stavo scrivendo un pezzo che si chiama "La lotta con la scimmia", avrò un motivo in più per fartelo ascoltare! :)
    Corrartik

    RispondiElimina
  5. Scimmie in apnea e cervelli in stand-by. I cinque minuti liberi che si trasformano in ore deformanti, diventano senza sostanza senza un'effettiva durata, privi di consistenza. Un'assimilazione di dati inutili che deviano le coscienze e divorano il ragionamento, la voglia di imparare, di percorrere strada nuove, di arrivare .. in qualche modo. Pigia lo start: ibernazione. Ci risveglieremo in ere nuove. Respireremo ancora. A polmoni aperti.

    RispondiElimina
  6. Scimmia, quella di Philip Roth nel "Lamento di Portnoy". Scimmie noi, a contenderci un paese di banane.
    Dovrei fare più spesso capolino sul tuo blog!
    Ogni volta è un gran piacere!

    RispondiElimina